LA CUCINA

Ultima modifica 31 marzo 2021

LA CUCINA

 

La cucina del nido ha già da molto tempo orientato la sua scelta verso i prodotti biologici tanto che dal 2007 è stata ottenuta la certificazione secondo il metodo biologico rilasciato da un organismo di controllo autorizzato. Se,in alcuni casi,la cucina dovesse utilizzare prodotti non biologici, i genitori tramite apposita scheda giornaliera ne sarebbero informati. Tutta la merce che entra nella cucina viene attentamente controllata secondo criteri di verifica stabiliti dall’organismo di controllo come ad esempio la temperatura di certi alimenti per garantire la catena del freddo. Tutti i dati vengono registrarti quotidianamente. Tutte le operazioni di preparazione dei cibi sono effettuate nella giornata stessa in cui il pasto viene proposto ai bambini. I pasti vengono preparati giornalmente dal personale di cucina, nel rispetto della normativa HACCP.Nella preparazione del pasto vengono tenute in considerazione le esigenze di inserimento di alcuni alimenti per i bambini più piccoli o di particolari richieste  alimentari se accompagnate da certificato medico.

Il nido predispone menù che garantiscano qualità e ricchezza di proposte, che assicurino l'apporto nutrizionale necessario ed anche il sostegno alla curiosità ed allo spirito di scoperta di nuovi gusti.
Sono note le diverse esigenze nutrizionali dei bambini da 0 a 3 anni. Sono pertanto previste due tabelle dietetiche, una per bambini da 5 agli 8 mesi ed un'altra per bambini da 8 a 36 mesi. I menù hanno ricevuto l'approvazione del Dipartimento di Prevenzione, Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione dell' ULSS n° 3 di Bassano del Grappa nel Maggio del 2016.
Ai genitori dei bambini sotto l'anno d'età viene chiesto di compilare una scheda dettagliata sull'alimentazione del figlio all'inizio della frequenza e di aggiornare poi il personale quando nuove sostanze vengono introdotte, dopo aver verificato che non sussistano intolleranze alimentari. Durante questo primo periodo, al nido vengono offerti gli alimenti compresi nella dieta che il bambino segue a casa.
Per i bambini sopra l'anno d'età, particolare cura è stata posta nella preparazione dei pasti e nell'accostamento dei sapori, rispondendo sia a criteri nutritivi che di gradevolezza, per incontrare i gusti dei bambini e favorire l'approccio con pietanze nuove, incentivandone almeno l'assaggio. In casi di necessità determinati da intolleranze o allergie alimentari (certificate dal pediatra) oppure da motivazioni religiose, vengono forniti alimenti alternativi rispetto a quanto previsto dal menù del giorno, rispettando quanto riportato nella certificazione medica o nella richiesta dei genitori.

La cucina è interna al servizio. Gli alimenti offerti sono di origine biologica.
I menù sono stagionali, all’interno vi è una rotazione settimanale.
Ogni settimana viene poi offerto un piatto unico, come richiesto dal Dipartimento di Prevenzione dell’ULSS 3.
Nell’arco del mese vengono proposti dei piatti legati alla tradizione culinaria locale.

Il nostro impegno nella preparazione di questi menù nasce dalla convinzione che educare al gusto sin da piccoli, equilibrando la visione scientifica dell’alimentazione con quella emotiva e sensoriale, porti progressivamente il bambino a consuetudini alimentari gustose e corrette per il benessere fisico, associate a momenti di gioia e gratificazione.

 

IL PRANZO AL NIDO

Il momento del pasto al nido rappresenta un punto centrale del progetto pedagogico, non è considerato esclusivamente una risposta ad un bisogno fisico, ma un’occasione di educazione in grado di favorire ed influenzare l’esperienza affettiva, cognitiva e sociale del bambino.
Mangiare al nido significa stare in compagnia, dialogare, provare piacere nella scoperta di nuovi sapori e odori, festeggiare.
Mangiare da soli, l’essere coinvolti nell’apparecchiare le tavole sono importanti passaggi per acquisire sempre maggiore autonomia e sicurezza nelle proprie capacità.

 

IL DIRITTO A UN PASTO SANO

Il diritto a un pasto sano
                  adeguato alle esigenze di crescita e di salute di ciascuno,intermini di qualità e quantità

Il diritto alla convivialità
e a consumare i pasti in un clima sereno e col televisore spento, ad essere ascoltati e a non essere esclusi dalla conversazione a tavola

Il diritto a un ampio ventaglio alimentare
e a essere accompagnati con rispetto nella conoscenza dei propri gusti,liberi di rifiutare alcuni alimenti sgraditi

Il diritto di accesso alla cultura del cibo
anche con l’esperienza diretta della coltivazione, per riscoprire il piacere di conoscere e curare quello che poi si consuma

Il diritto a una cucina sicura
in termini di arredi, di utensili, di metodi di cottura e di conservazione degli alimenti

Il diritto di imparare a cucinare
di apprendere a poco a poco i gesti, gli strumenti e le operazioni necessarie per preparare un pasto, sempre con un adulto a fianco e con le necessarie precauzioni di sicurezza

Il diritto ad avere guide responsabili
ovvero adulti che si assumono la responsabilità dell’educazione alimentare e che si impegnino a perseguire costantemente questo obiettivo

Il diritto al rispetto delle differenze
a non sentirsi esclusi se si hanno esigenze alimentari diverse da quelle di altri bambini e a trovare, specie nella ristorazione pubblica, competenza e disponibilità

Il diritto a informazioni veritiere sul cibo
sia da parte della famiglia, sia da parte delle aziende che producono o distribuiscono alimenti destinati ai bambini

 

 

 


MENU' DEL NIDO: 

I menù sono stati rivisti dal dipsrtimento di prevenzione nel mese di Maggio 2016

menù 0-8 mesi

menù 8-36 mesi

le merende del nido



 

merenda
Allegato formato pdf
Scarica
menu 8-36
Allegato formato pdf
Scarica
menu 0-8
Allegato formato pdf
Scarica